Agricoltori, Bonelli chiede le dimissioni di Lollobrigida: "E' un irresponsabile propagandista"
Top

Agricoltori, Bonelli chiede le dimissioni di Lollobrigida: "E' un irresponsabile propagandista"

Agricoltori, Bonelli chiede le dimissioni di Lollobrigida: "Ha consentito che la grande distribuzione, facendo cartello, mettesse in ginocchio i piccoli agricoltori imponendo prezzi sotto costo di produzione".

Agricoltori, Bonelli chiede le dimissioni di Lollobrigida: "E' un irresponsabile propagandista"
Angelo Bonelli
Preroll

globalist Modifica articolo

9 Febbraio 2024 - 11.56


ATF

Sulla questione delle proteste degli agricoltori, il ministro Francesco Lollobrigida è al centro delle critiche delle opposizioni, ritenuto il primo responsabile per la crisi del settore e per le conseguenti proteste. In una nota, Angelo Bonelli di Avs, e co-portavoce di Europa Verde, chiede le dimissioni del ministro dell’Agricoltura e cognato di Giorgia Meloni.

“Chiedo le dimissioni del ministro dell’Agricoltura Lollobrigida, che ha segnato la sua azione con atti propagandistici privi di valore legale ed efficaci come il no alla carne coltivata, legge bocciata dalla UE. Mentre ha consentito che la grande distribuzione, facendo cartello, mettesse in ginocchio i piccoli agricoltori imponendo prezzi sotto costo di produzione”.

“Un ministro che dà la responsabilità della protesta degli agricoltori alla transizione ecologica è lui stesso un irresponsabile propagandista che, pur sapendo che la crisi climatica sta danneggiando le nostre produzioni e che ad esempio in Sicilia le mucche e non solo non hanno erba da mangiare a causa della siccità, da la colpa ad una delle cause dei problemi dell’agricoltura”.

Leggi anche:  Renzi ribadisce il no a Conte e profetizza la fine del governo: "Meloni e Salvini romperanno come i Ferragnez"

“Lollobrigida non può fare il ministro dell agricoltura e fugge al confronto con gli agricoltori dopo che gli ha alzato le tasse. Un ministro che esulta per il via libera ai pesticidi, con gioia delle lobby dell agrifarmaceutica, e che marginalizza il biologico nel nostro paese perché guarda solo alle grandi multinazionali agricole. Per tutte queste ragioni ne chiedo le dimissioni”. 

Native

Articoli correlati