Migranti, il generale Vannacci già divide la destra: "Salvini è stato l'unico ad aver ottenuto ottimi risultati..."
Top

Migranti, il generale Vannacci già divide la destra: "Salvini è stato l'unico ad aver ottenuto ottimi risultati..."

Vannacci: "Il ministro Salvini è stato l'unico con i suoi decreti ad aver ottenuto, dal punto di vista empirico, una fortissima riduzione dei flussi di immigrati irregolari in Italia".

Migranti, il generale Vannacci già divide la destra: "Salvini è stato l'unico ad aver ottenuto ottimi risultati..."
Matteo Salvini e Roberto Vannacci
Preroll

globalist Modifica articolo

3 Maggio 2024 - 14.06


ATF

L’avventura politica del generale Roberto Vannacci non è neanche iniziata e già si intravede il potenziale ‘esplosivo’ del candidato alle Europee di Matteo Salvini, che sarà un fattore di divisione all’interno della stessa maggioranza di destra. Intervistato da affaritaliani.it, Vannacci ha parlato della questione migranti, lanciando indirettamente una frecciata a Giorgia Meloni.

«Il ministro Salvini è stato l’unico con i suoi decreti ad aver ottenuto, dal punto di vista empirico, una fortissima riduzione dei flussi di immigrati irregolari in Italia. Oggettivamente i suoi decreti del 2018 hanno ottenuto risultati ottimi e sono stati la migliore soluzione adottata finora, lo dicono i fatti, i numeri, che non sono opinioni». 

«Quella degli accordi bilaterali con i Paesi di transito e di origine dell’immigrazione irregolare è una delle strade percorribili. L’importante sono i risultati, servono metodi che siano sinergici. Fa bene il presidente del Consiglio a portare avanti queste iniziative, ma serve a livello europeo ottimizzare l’impianto normativo per accettare solo l’immigrazione regolare e impedire quella clandestina».

Leggi anche:  Premierato, il populismo di Gasparri: "Daremo più potere ai cittadini contro i giochi di Palazzo"

«Un esempio che si può seguire è quello dell’Australia che ha risolto il problema dell’immigrazione clandestina nel 2013, democraticamente rispettando i diritti dell’uomo. Come? Con accordi bilaterali con l’Indonesia e con una politica anti immigratoria estremamente muscolare e determinata. Oggi l’unico modo per andare in Australia è richiedendo il visto. La strategia ha avuto un ottimo risultato e l’Australia non è stata condannata per il mancato rispetto dei diritti umani da alcun tribunale internazionale. Quello australiano è un esempio che si può seguire, ovviamente contestualizzandolo alla realtà europea tenendo presente che nella stessa Europa ci sono Paesi mediterranei come Malta che hanno già posto severe limitazioni all’ingresso irregolare di immigrati. Ed è quindi come se l’Italia sia soggetta ad accoglierli per colpa di politiche poco restrittive che non rendono sconveniente l’approdo in Italia».

Native

Articoli correlati