Roberto Salis: "Siti di estrema destra minacciano Ilaria, non siamo tranquilli neanche in Italia"
Top

Roberto Salis: "Siti di estrema destra minacciano Ilaria, non siamo tranquilli neanche in Italia"

Roberto Salis: "Il giorno dopo che è stata arrestata sono stati pubblicati su un sito di estrema destra la sua fotografia, il suo nome e cognome, l'indirizzo di casa di residenza a Milano e questo è rimbalzato su siti di estrema destra in Italia".

Roberto Salis: "Siti di estrema destra minacciano Ilaria, non siamo tranquilli neanche in Italia"
Roberto Salis padre di Ilaria
Preroll

globalist Modifica articolo

20 Maggio 2024 - 13.59


ATF

A margine della conferenza stampa di Avs in Campidoglio a Roma, Roberto Salis è tornato sulla situazione di sua figlia Ilaria, alla quale sono stati concessi in Ungheria gli arresti domiciliari dopo 16 mesi di detenzione preventiva.

«Se siamo preoccupati che possa accadere qualcosa a Ilaria nella nuova residenza? La richiesta dei domiciliari l’abbiamo presentata mi pare sette volte e solo quest’ultima volta abbiamo inserito i domiciliari in Ungheria perché avevamo problemi di sicurezza. Dopo quello che è successo il 29 gennaio ci sono stati dei contatti più serrati con il ministero, per cui abbiamo ricevuto qualche garanzia che prima non avevamo mai avuto su questo aspetto».

«Però comunque permane la situazione: in Ungheria ci sono stati i murales di Ilaria impiccata, il giorno dopo che è stata arrestata sono stati pubblicati su un sito di estrema destra la sua fotografia, il suo nome e cognome, l’indirizzo di casa di residenza a Milano e questo è rimbalzato su siti di estrema destra in Italia. Per cui anche in Italia non eravamo del tutto tranquilli».

Leggi anche:  Ilaria Salis è libera: tolto il braccialetto elettronico
Native

Articoli correlati