Sottomarino inabissato: spunta una storia di corruzione e di attrezzature scadenti
Top

Sottomarino inabissato: spunta una storia di corruzione e di attrezzature scadenti

Nessuna speranza per i 44 marinai dell'Ara San Juan. Nel mirino due aziende tedesche che hanno pagato tangenti e poi hanno risparmiato sulla qualità

Si cerca il sottomarino argentino San Juan
Si cerca il sottomarino argentino San Juan
Preroll

globalist Modifica articolo

10 Dicembre 2017 - 11.12


ATF

Se fosse vero si potrebbe parlare di morte di Stato, perché figlia della corruzione: nonostante le ricerche del relitto del sottomarino argentino scomparso con 44 persone a bordo siano ancora in corso, emergono le prime, possibili responsabilità per la presunta combustione senza fiamma delle batterie del natante, che ne avrebbe causato l’implosione. Secondo informazioni dei portali tedeschi Br Recherche e Ars-Studio Südamerika, due aziende tedesche si sarebbero accaparrate la sostituzione dei dispositivi pagando delle tangenti e avrebbero installato dei prodotti di qualità scadente per risparmiare.
In occasione di una revisione completa del “San Juan” conclusasi nel 2011, la Ferrostaal e la EnerSys-Hawker avevano ottenuto un contratto per la consegna di 964 celle per un importo di 5,1 milioni di euro. Secondo quanto indicato alle testate da alcuni politici argentini, è praticamente certo che le due aziende tedesche abbiano pagato delle tangenti per ottenere quella commessa. Un’accusa depositata nel 2010 in tal senso era finita in un insabbiamento. «È tutto molto opaco», conferma la presidente della Commissione esteri del parlamento argentino, Cornelia Schmidt-Liermann.

Leggi anche:  Le riforme di Milei: Argentina in vendita, tagli alle pensioni e via i diritti ai lavoratori

Riguardo alla qualità della merce consegnata, Schmidt-Liermann commenta: «Sussiste il sospetto che le batterie non fossero, in parte o per niente, della qualità che avrebbero dovuto essere», dichiara. «Non sappiamo nemmeno da dove venissero, se dalla Germania o da un altro Paese», aggiunge.

Native

Articoli correlati