Ayman Odeh e la voglia di pace: "Due stati sono l'unica soluzione"
Top

Ayman Odeh e la voglia di pace: "Due stati sono l'unica soluzione"

Ayman Odeh è membro della Knesset e presidente di Hadash-Ta'al, uno dei partiti della Lista Araba Unita

Ayman Odeh e la voglia di pace: "Due stati sono l'unica soluzione"
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

20 Novembre 2023 - 21.30


ATF

Ayman Odeh è membro della Knesset e presidente di Hadash-Ta’al, uno dei partiti della Lista Araba Unita. Chi scrive conosce Odeh da diversi anni e ho imparato ad apprezzarne il coraggio politico, l’onestà intellettuale e la fierezza con cui ha sempre difeso le ragioni della comunità arabo israeliana. Una sima che è ulteriormente cresciuta dopo la lettura del suo scritto su Haaretz.

Non sarò mai “sobrio” di una pace giusta.

Scrive Odeh: “Nell’ultimo mese, ho sentito molte persone dire di “sobered up”. (tornare sobrio). Dopo l’orribile massacro nelle comunità israeliane vicino al confine con Gaza il 7 ottobre e la guerra che ne è seguita, che richiede un cuore di ferro oltre a una calcolatrice per contare il bilancio delle vittime senza piangere. Una enorme perdita di vite umane e speranze e sogni, sognati sia in ebraico che in arabo, svaniti in un istante.

È difficile, molto difficile, sfuggire ai crescenti richiami delle persone che insistono sul fatto che ora vedono la realtà “così come è realmente”, che finalmente “capiscono” chi sono gli “arabi” che vivono nella regione.

Spiegano – alcuni di loro ancora esitanti – che tutto questo discorso di pace e giustizia può essere appropriato per i goyim in Europa, ma non per noi ebrei, che viviamo la loro vita in Medio Oriente.

Queste persone che si innalzano a giudici sentenziano che l’idea per la quale abbiamo combattuto in tutti questi anni, molti anni, non è realistica. Sono “sobri” dall’illusione e ora dichiarano: una soluzione a due stati è cattiva. E per favore, per l’amor del cielo, non chiederci di discutere del futuro nel bel mezzo di una guerra. Parleremo de “il giorno dopo” più tardi. Nel frattempo, Gaza sa bruciando, Gaza è all’inferno con la parola “pace”.

Non sono in grado di dichiararmi “sobrio” dalla prospettiva di cercare la pace. Anche dopo il 7 ottobre, la mia idea non è cambiata. Resto convinto che una soluzione a due stati sia la base più solida per la forma più umana di giustizia e anche l’unica soluzione realistica.

Leggi anche:  Israele-Palestina, la pace delle "donne coraggio"

Ripeto spesso  ai miei amici, ebrei e palestinesi, che chiunque non pensi che la sofferenza di un bambino di Gaza sia affatto diversa dalla sofferenza di un bambino su un kibbutz vicino al confine di Gaza deve gridarlo da ogni angolo di strada. Due stati sono l’unica soluzione. Non abbiamo tempo da perdere.

Dico ai miei amici ebrei che il gruppo di ebrei israeliani che si sono “resi sobri” nell’ultimo mese si aggiunge al grande gruppo di palestinesi  (in Israele e oltre) che hanno affermato per anni che l’occupazione non finirà mai e che la composizione dell’attuale governo israeliano e le sue politiche sono un altro esempio di politica governativa israeliano di lunga data per gestire piuttosto che risolvere il conflitto.

In effetti, mi dicono anche di essersi liberati, disintossicati, delle mie illusioni sulla fine dell’occupazione e sulla partizione della terra. Davvero, come posso non “liberarmi dall’illusione di una possibile vita condivisa quando un ministro del governo sragiona se valga la pena sganciare una bomba atomica sulla mia gente a Gaza? Ma mi rifiuto di riconsiderare il sogno di una vita condivisa. Non ho intenzione di riconsiderare, anche se ho letto nel libro di Benny Morris “La nascita del problema dei rifugiati palestinesi 1947-1949” come centinaia di migliaia di persone sono state deportate con la forza durante la Nakba.

Non ho intenzione di diventare “sobrio” anche quando guardo le foto della mia città, Haifa, dopo il 1948 e vedo come le case dei suoi residenti arabi sono state saccheggiato e distrutte in modo che non tornassero. (Leggi di questo in “Il saccheggio della proprietà araba” dello storico Adam Raz, in ebraico).

Leggi anche:  Il bavaglio di Israele sulla stampa: spegne le telecamere dell'Associated Press

Non sono disilluso nemmeno quando leggo come sono stati bruciati campi e frutteti per impedire ai palestinesi di tornare nei loro villaggi. Mi rifiuto di essere sobrio anche dopo aver visitato luoghi in cui sono stati commessi crimini di guerra e massacri contro i palestinesi nel corso degli anni.

Mi sono rifiutato di essere sobrio anche quando ho partecipato agli eventi che hanno segnato l’anniversario del 29 ottobre del massacro di Kafr Qasem e dopo aver letto in dettaglio nel libro ebraico di Raz “Il massacro di Kafr Qasem: una biografia politica” su ciò che c’era dietro. Mi rifiuto di essere sobrio quando parlo con i rifugiati che sono stati espulsi nella guerra dei sei giorni dalle case in cui avevano vissuto per generazioni e in cui non è stato permesso di tornare. Mi rifiuto ancora di essere sobrio quando incontro le vittime della prima intifada, e della seconda, che ha fatto migliaia di vittime.

Mi rifiuto di essere sobrio anche se ho saputo dei tentativi di avvelenare i pozzi nei villaggi arabi (vedi lo studio pubblicato l’anno scorso da Benjamin Kedar e Benny Morris); dello stupro dei palestinesi (ad esempio, a Nirim nel Negev); della politica a fuoco aperto di cui pochi sono ritenuti responsabili; della politica di non perseguire i soldati per crimini di guerra.

Mi rifiuto di essere disilluso, anche dopo aver visto la condotta del governo nei territori occupati: come ruba terra e risorse naturali, come abusa dei palestinesi indifesi, come permette ai coloni di fare quello che vogliono e, sfortunatamente, la lista potrebbe andare avanti.

Non sono rimasto ”sobrio” di fronte al lungo assedio di Gaza, anche dopo quattro guerre in cui migliaia di abitanti di Gaza sono stati uccisi, e anche dopo aver sentito che le Nazioni Unite avevano previsto che Gaza sarebbe stata inadatta all’abitazione entro il 2020 a causa della vergognosa mancanza di condizioni umanitarie. Tre anni dopo quella data, mi rifiuto ancora di essere sobrio.

Leggi anche:  Abu Mazen e l'Olp entusiasti per il riconoscimento dello Stato di Palestina di Spagna, Norvegia e Irlanda

E proprio come non sono “sobrio”, non faccio paragoni. Confrontare gli atti di ingiustizia con altri atti di ingiustizia è inutile perché il prezzo di qualsiasi sangue, sia palestinese che israeliano, aumenta il prezzo congiunto che i due popoli stanno pagando agli dei della guerra.

Il dolore senza fine di una famiglia di Gaza sepolta sotto un condominio si intreccia con il dolore straziante di una giovane famiglia israeliana uccisa in una comunità di confine di Gaza. I sogni che sono svaniti sono gli stessi sogni, e noi, palestinesi e israeliani, che siamo lasciati a contare i nostri morti e sprofondare nella stessa fossa di lutto, senza uscita in vista.

“Sobering up” significa rinunciare: abbandonare il semplice sogno di una vita normale, in cui la politica è solo una piccola parte della vita quotidiana piuttosto che occupare ogni angolo di essa. Una vita normale significa una vita in cui i punti di riferimento più importanti sono compleanni, matrimoni, anniversari, feste di laurea.

Una vita in cui i giorni di lutto sono pochi. Se ci “disintossichiamo”  dalla visione di una vita normale, cosa diremo a nostro figlio che chiede quando finirà la guerra? Quando tornerà a scuola? Quando giocherà di nuovo a calcio con gli altri bambini del quartiere? E quando sua madre smetterà di piangere?

Sette milioni di ebrei e sette milioni di palestinesi non stanno andando da nessuna parte. I destini dei due popoli sono intrecciati e non abbiamo altra scelta che trovare una soluzione in cui entrambi i popoli possano vivere una vita normale fianco a fianco. Dobbiamo capire che non c’è altra strada che la via della pace. Questo è ciò che significa davvero esseri sobri”.

Ayman Odeh, questo scritto ti fa onore. 

Native

Articoli correlati