La Giordania chiede alla Ue atti concreti per fermare i 'crimini di guerra' israeliani contro i palestinesi
Top

La Giordania chiede alla Ue atti concreti per fermare i 'crimini di guerra' israeliani contro i palestinesi

Il capo della politica estera dell’UE Josep Borrell ha parlato con il ministro degli Esteri giordano Ayman Safadi della “catastrofe in corso” a Gaza e del deterioramento della situazione per i palestinesi nella Cisgiordania occupata.

La Giordania chiede alla Ue atti concreti per fermare i 'crimini di guerra' israeliani contro i palestinesi
Palestinesi a Gaza
Preroll

globalist Modifica articolo

21 Giugno 2024 - 09.52


ATF

Il capo della politica estera dell’UE Josep Borrell ha parlato con il ministro degli Esteri giordano Ayman Safadi della “catastrofe in corso” a Gaza e del deterioramento della situazione per i palestinesi nella Cisgiordania occupata.

In un post sui social media, Borrell ha affermato che lui e il ministro sono seriamente preoccupati che “il pieno accesso umanitario sia ancora negato” alla popolazione di Gaza a causa del blocco israeliano del confine del territorio palestinese devastato dalla guerra.

Nonostante un ordine vincolante – anche se non applicato – da parte della Corte internazionale di giustizia, Borrell ha affermato che i combattimenti a Gaza non sono finiti, i prigionieri israeliani non sono stati rilasciati e la proposta di cessate il fuoco annunciata dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden non è stata attuata.

Safadi ha detto di aver parlato con Borrell dell’urgenza che l’UE intraprenda “azioni reali per fermare il crimine di guerra di Israele contro il popolo palestinese”.

“Un governo israeliano radicale e razzista non dovrebbe godere dell’impunità. Deve affrontare sanzioni ed essere ritenuto responsabile”, ha scritto sui social media.

Leggi anche:  Fatah e Hamas si accordano per un governo di riconciliazione per il dopo Gaza: l'ira di Netanyahu
Native

Articoli correlati