Guerra e politica: le trattative segrete per l'ingresso di Hamas (e della Jihad islamica) nell'Olp
Top

Guerra e politica: le trattative segrete per l'ingresso di Hamas (e della Jihad islamica) nell'Olp

Si combatte. E si fa politica. Vale per Israele. E anche per Hamas. Tutt’altro che un movimento monolitico. A darne conto, in un documentato report su Haaretz, è Zvi Bar’el.

Guerra e politica: le trattative segrete per l'ingresso di Hamas (e della Jihad islamica) nell'Olp
Abu Mazen
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

23 Dicembre 2023 - 16.31


ATF

Si combatte. E si fa politica. Vale per Israele. E anche per Hamas. Tutt’altro che un movimento monolitico. A darne conto, in un documentato report su Haaretz, è Zvi Bar’el.

Scrive Bar’el: “”Non combattiamo solo perché vogliamo combattere. Non siamo partigiani in un gioco a somma zero. Vogliamo che la guerra finisca”, ha detto Husam Badran, membro dell’ufficio politico di Hamas, in un’intervista al Wall Street Journal mercoledì. Badran sta alla fine mirando a “uno stato palestinese in Cisgiordania, nella Striscia di Gaza e a Gerusalemme” – cioè i confini del 1967.

Le parole di Badran fanno eco all’intervista rilasciata da Moussa Abu Marzouk, il vice capo dell’ufficio politico di Hamas, al  sito Al-Monitor la scorsa settimana. Ha detto: “Hamas deve attenersi alla posizione formale [dell’olp], riconoscendo lo Stato d’Israele”. Abu Marzouk si è frettolosamente “corretto”, dicendo di essere stato “frainteso” e affermando: “Hamas non riconosce la legittimità dell’occupazione israeliana e non rinuncia a nessuno dei diritti del popolo palestinese”, aggiungendo che Hamas “conferma che la resistenza continuerà fino alla liberazione e al ritorno”.

Per anni, Hamas ha tenuto dialoghi politici con alti funzionari dell’Autorità palestinese, direttamente o sotto la sponsorizzazione egiziana e del Qatar, sulla struttura dell’Olp e su come dovrebbe essere condotta la lotta contro Israele.

Nell’ultimo round di colloqui di luglio, tenutosi a El Alamein in Egitto, alti funzionari di Hamas come Ismail Haniyeh hanno incontrato il presidente palestinese Mahmoud Abbas e il capo dell’intelligence egiziana Abas Kamal per esaminare l’opzione dell’adesione di Hamas all’Olp. I colloqui si sono conclusi senza alcun risultato reale. Abbas si è attenuto alla sua posizione secondo cui Hamas deve riconoscere gli accordi che l’Olp ha firmato con Israele; cioè gli accordi di Oslo. Hamas si è opposta, e poco dopo è arrivato il 7 ottobre.

Ma almeno, ha detto Badran, i colloqui non si sono fermati nemmeno in tempo di guerra. Sono avvenuti tra i leader di Hamas, come lo stesso Badran e Khaled Meshal e funzionari dell’OLP. Questi funzionari includono figure come l’ex primo ministro palestinese Salam Fayyad, Mohammad Dahlan, che è stato estromesso da Fatah da Abbas, e Hussein al-Sheikh, che è visto come il numero due dell’Olp. Al-Sheikh sta probabilmente conducendo i colloqui dell’Olp con Hamas.

La visita di Haniyeh in Egitto mercoledì fa parte della mossa strategica che Hamas che  sta cercando di condurre. La spiegazione ufficiale della visita è il tentativo di raggiungere un cessate il fuoco in cambio del rilascio degli ostaggi, ma secondo fonti egiziane, “è un pacchetto più grande di problemi, incluso un piano di lavoro per il giorno dopo la guerra”.

Un giornalista che copre le relazioni Egitto-Hamas e la guerra a Gaza ha detto a Haaretz che “Haniyeh chiederà all’Egitto di convocare presto un incontro congiunto tra la leadership di Fatah, incluso Mahmoud Abbas, e alti funzionari di Hamas – forse anche il leader della Jihad islamica Ziyad al-Nakhalah – per discutere dell’adesione di Hamas e della Jihad all’Olp”.

Il presupposto è che la guerra abbia creato nuove condizioni che potrebbero favorire il raggiungimento di un accordo. Ora ci si aspetta che Hamas sia più flessibile e consenta ad Abbas di far avanzare un processo per l’adesione di Hamas all’Olp.

Leggi anche:  Hamas dice che l'annuncio di Netanyahu sull'attacco a Rafah vanifica i negoziati

Il denominatore comune tra i due movimenti è il principio che tutte le fazioni palestinesi, inclusa Hamas, dovrebbero essere una parte inseparabile dell’Olp. Questa posizione era già stata espressa da Fayyad, dal primo ministro palestinese Mohammed Shtayyeh, Jibril Rajoub, Nasser al-Kidwa e altri alti funzionari palestinesi prima della guerra.

Tuttavia, dal momento in cui il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha parlato di una “rinnovata Autorità palestinese” che deve essere responsabile della Striscia di Gaza e ha detto che intendeva far avanzare la soluzione a due stati, ha dato a Fatah il senso di un’opportunità di ricostruire il loro movimento e la loro leadership, sbarazzarsi dell’88enne Abbas – che è in carica dal 2004 – e promuovere la giovane generazione, che non è più così giovane. Fatah sa che questo desiderio beneficerà del sostegno americano.

Sanno anche che senza che Hamas e altre organizzazioni si uniscano a loro, il sostegno americano non raggiungerà la legittimità pubblica di cui hanno bisogno. Al contrario, l’adesione di Hamas all’Olp cambierebbe completamente l’approccio americano. “La guerra a Gaza ha indebolito Hamas, che sta cercando modi per preservare il suo status e il suo potere politico, anche se smette di governare a Gaza, ma allo stesso tempo lo ha rafforzata come organizzazione che porta il peso della guerra contro Israele”, ha detto a Haaretz un membro del Comitato Centrale di Fatah.

Allo stesso tempo, sembra che la leadership di Hamas non sia sicura di come finirà la guerra, cosa succederà al suo status pubblico e chi sarà il suo “pubblico” alla luce dei risultati della guerra. Deve sbrigarsi a fare alcuni guadagni politici prima che la guerra sia finita, e soprattutto assicurarsi il suo posto in qualsiasi piano futuro per controllare la Striscia di Gaza. È anche possibile che Hamas creda che l’Egitto l’aiuterà a ottenere un posto al tavolo il giorno dopo la fine dei combattimenti, anche se indirettamente.

Una possibilità che si sta considerando è quella di accelerare la riorganizzazione dell’Olp per includere Hamas e la Jihad islamica, e istituire un comitato o un’autorità per gestire Gaza senza membri di Hamas. Per rendere applicabili questi piani, il Fatah deve unire i suoi ranghi e accettare la nuova struttura dell’Olp, e Hamas non affronta dilemmi meno difficili. La difficoltò immediata è quella di “allineare” i leader di Gaza Yahya Sinwar e Mohammed Dief  con le posizioni della leadership di Hamas al di fuori di Gaza.

Sembra che Sinwar creda ancora nella sua capacità di continuare a condurre una guerra contro Israele e allo stesso tempo mantenere puntando sulla pressione internazionale che investe Israele. 

In questa ottica,  i negoziati per il rilascio degli ostaggi sono una potente merce di scambio nelle sue mani, non solo nei confronti d’ Israele ma anche verso la leadership di Hamas all’estero. E così, anche supponendo che la leadership di Hamas voglia negoziare un piano per liberare un gran numero di ostaggi in cambio di un lungo cessate il fuoco, Sinwar ha l’ultima parola. Anche ucciderlo non garantirà un partner negoziale più “piacevole” a Gaza.

Leggi anche:  Il massacro di Deir Yassin: lo sterminio degli abitanti di un villaggio ebraico

D’altro canto, la leadership di Hamas all’estero non è priva di differenze interne. Le relazioni tra Meshal e Haniyeh sono tese, così come quelle tra Meshal e Salah al-Aruri, il vice di Haniyeh, responsabile della Cisgiordania.

Presumibilmente, Israele – che si oppone con veemenza a lasciare che l’Autorità palestinese nella sua forma attuale prenda il controllo della Striscia di Gaza – respingerà qualsiasi piano che preveda un ruolo, diretto o indiretto, di Hamas, in una futura autorità che gestirà Gaza. La domanda è  se Washington accetterà un’Autorità palestinese “rinnovata” senza membri di Hamas, che derivi il suo potere e la sua legittimità dall’Olp, con Hamas come membro senior”, conclude Bar’el.

Una seconda Nakba

Israele sta cercando di alterare in modo permanente la composizione della popolazione di Gaza con continui ordini di evacuazione e attacchi diffusi e sistematici contro i civili e le infrastrutture civili nelle aree meridionali dell’enclave assediata. Lo ha detto Gaviria Betancur, relatrice speciale delle Nazoni Unite sui diritti umani degli sfollati interni. “Israele ha rinnegato le promesse di sicurezza fatte a coloro che hanno rispettato l’ordine di evacuare il nord di Gaza due mesi fa. Ora sono stati nuovamente sfollati con la forza, insieme alla popolazione del sud di Gaza”, ha affermato. “Mentre gli ordini di evacuazione e le operazioni militari continuano ad espandersi e i civili sono sottoposti quotidianamente ad attacchi incessanti, l’unica conclusione logica è che l’operazione militare israeliana a Gaza mira a deportare in massa la maggioranza della popolazione civile”, ha spiegato.

Betancur sottolinea che “le abitazioni e le infrastrutture civili di Gaza sono state rase al suolo, frustrando ogni prospettiva realistica di ritorno a casa per gli sfollati di Gaza e reiterando una lunga storia di sfollamenti forzati di massa di palestinesi da parte di Israele”. Dal 7 ottobre, evidenzia l’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani (Ohchr), 1,9 milioni di persone – l’85% della popolazione di Gaza – sono sfollate interne. La portata degli ordini di evacuazione li ha confinati a meno di un terzo del territorio della Striscia di Gaza. La maggior parte degli sfollati interni vive in condizioni di sovraffollamento dove le malattie trasmissibili sono in aumento e hanno difficoltà ad accedere a cibo, acqua, elettricità, assistenza sanitaria, servizi igienico-sanitari e alloggi. Si prevede che queste condizioni peggiorino con l’inizio dell’inverno. 

Gaza è da tempo uno dei territori più densamente popolati del mondo – ricorda Betancur – Il confinamento dell’intera popolazione civile in una piccola frazione della Striscia di Gaza ha creato una situazione insostenibile per gli sfollati interni, in particolare per le donne, i bambini, compresi i minori non accompagnati, gli anziani e le persone con gravi condizioni mediche e disabilità”. Betancur ha quindi ha esortato la comunità internazionale, e gli alleati di Israele in particolare, a riconoscere il palese disprezzo per il diritto umanitario internazionale e i diritti umani che ha caratterizzato l’attuale conflitto. “I principi di proporzionalità e di distinzione tra civili e combattenti sono stati completamente disattesi. Ospedali, scuole e rifugi sono stati deliberatamente presi di mira senza prove credibili che fossero obiettivi militari, o attaccati, senza precauzioni per ridurre al minimo le perdite accidentali di vite umane o i feriti tra i civili”, ha avvertito. “I civili nelle aree sottoposte a ordine di evacuazione, così come nelle cosiddette ‘zone sicure’, designate unilateralmente dalle forze israeliane contro il diritto umanitario internazionale, sono stati bersaglio di attacchi indiscriminati che hanno ucciso quasi 19mila palestinesi e ferito oltre 51mila”, ha detto ancora. “Molti altri lo hanno già detto – ma non lo si dirà mai abbastanza – non esiste un posto sicuro a Gaza”, ha ribadito Betancur. 

Leggi anche:  Peter Maas: "Io ebreo e reporter di guerra, a Gaza crimini come a Sarajevo"

Gli ordini di evacuazione emessi ai civili dalle Forze di difesa israeliane (Idf) sono stati imprecisi, contraddittori e dipendono in gran parte dalle reti elettriche e di telecomunicazioni, spesso soggette a un blackout israeliano illegale. La relatrice ha che, secondo il diritto internazionale, gli individui che non rispettano gli ordini di evacuazione non perdono il diritto alla protezione. Israele non ha onorato i suoi obblighi ai sensi del diritto internazionale per garantire che lo sfollamento non violi i diritti alla vita, alla dignità, alla libertà e alla sicurezza delle persone colpite, e per garantire che gli sfollati interni godano di un adeguato standard di vita e di accesso all’assistenza umanitaria. “Il blocco illegale e la stretta mortale da parte di Israele sull’ingresso degli aiuti umanitari hanno lasciato gli sfollati interni a vivere in condizioni spaventose”, ha affermato. “La tanto necessaria riapertura del valico di frontiera di Kerem Shalom non riuscirà a intaccare i bisogni sul campo se non verranno consentiti ulteriori aiuti. Il Segretario generale ha avvertito che il sistema umanitario a Gaza è a grave rischio di crisi”.

Betancur ha ribadito la sua preoccupazione che le azioni di Israele equivalgano a crimini di guerra di punizione collettiva e trasferimento forzato. “Chiedo a Israele di porre fine immediatamente agli attacchi contro i civili, di cessare la sua campagna volta a modificare la composizione della popolazione di Gaza attraverso spostamenti forzati di massa, di attuare un cessate il fuoco permanente, a consentire il passaggio illimitato degli aiuti umanitari e di dare priorità al dialogo per garantire il rilascio sicuro dei civili e dei rimanenti ostaggi”, ha dichiarato.

Cambio di percezione

Nel sostenere Israele a Gaza, gli Stati Uniti si ritrovano in disaccordo con molti dei loro alleati e appaiono più isolati, soprattutto all’Onu. Per la maggior parte degli ultimi due anni, riporta il New York Times, gli Usa sono stati alla guida di una crociata mondiale contro la Russia. Oggi, invece, con l’appoggio a Israele e ai suoi interessi «l’amministrazione Biden è vista in parte del mondo come quella che consente la indifendibilmente letale campagna di Israele», aggiunge il quotidiano. «Siamo isolati», osserva Barbara Bodine, ex diplomatica e ambasciatrice ora direttrice dell’Institute for the Study of Diplomacy dell’università di Georgetown. Bodine quindi spiega come per molti alleati l’atteggiamento americano nei confronti di Israele sia in contrasto con la risposta alla guerra in Ucraina. 

E questo non aiuta la ricerca di una soluzione negoziale della guerra di Gaza. 

Native

Articoli correlati