Agricoltori, per Madrid è opportuno e intelligente il ritiro della legge Ue sui pesticidi
Top

Agricoltori, per Madrid è opportuno e intelligente il ritiro della legge Ue sui pesticidi

A fronte delle proteste degli agricoltori in Spagna, che seguono l'ondata di collera in Europa, il ministro dell'agricoltura, Luis Planas, considera «intelligente e opportuna la decisione della presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, d

Agricoltori, per Madrid è opportuno e intelligente il ritiro della legge Ue sui pesticidi
Pedro Sanchez
Preroll

globalist Modifica articolo

8 Febbraio 2024 - 02.08


ATF

A fronte delle proteste degli agricoltori in Spagna, che seguono l’ondata di collera in Europa, il ministro dell’agricoltura, Luis Planas, considera «intelligente e opportuna la decisione della presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, di ritirare il regolamento sui prodotto fitosanitari, che a novembre fu respinto dal Parlamento Europeo».

In un briefing a Madrid con un gruppo di rappresentanti della stampa estera, Planas ha riconosciuto «le difficoltà e la sfida che comporta la transizione ecologica per il settore agrario, che è a molte velocità». Secondo Planas, solo ora «la commissione europea ha avviato un grande dialogo sulla semplificazione della produzione sostenibile di alimenti», che tenga conto delle richieste degli agricoltori. «È sostenibile solo ciò che è redditizio, per cui bisogna dare strumenti ad agricoltori e allevatori perché il settore sia conveniente», ha rilevato il ministro.

Nonostante in Spagna il reddito agrario sia cresciuto dell’11% nel 2023, ai dati Eurostat con l bilancia commerciale «più positiva della storia», con 14,9 miliardi di euro al novembre 2023, le proteste riflettono realtà molto diverse. «Differenza di competitività,, differenza di adattamento alla produzione sostenibile, differenza nella concorrenza internazionale».

Leggi anche:  Giornalista basco da due anni in cella in Polonia: Madrid riaccende i fari sul caso

Per far fronte alle difficoltà derivate dalla siccità e dal conflitto in Ucraina, Madrid ha messo in campo nei due ultimi anni misure per un valore superiore ai 4 miliardi di euro, dei quali 1,4 in aiuti diretti. Planas ha evidenziato la necessità di «una semplificazione della Pac», che sarà uno dei temi principali sul tavolo del Consiglio d’Europa del 26 febbraio. Madrid pone «due limiti: non ridurre i controlli sull’uso dei fondi pubblici» e al contempo «tenere alti gli standard di qualità» dei prodotti agroalimentari. E non nasconde la «preoccupazione» per la strumentalizzazione che «la destra negazionista (sul clima) e antieuropea» possa fare delle proteste, a pochi mesi dalle elezioni europee. 

Native

Articoli correlati