Palestina: "This land is our land"
Top

Palestina: "This land is our land"

Nagham Zbeedat si occupa per Haaretz della società palestinese e araba israeliana. Il suo struggente racconto per il quotidiano progressista di Tel Aviv intreccia testimonianze struggenti e una denuncia severa, argomentata

Palestina: "This land is our land"
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

2 Aprile 2024 - 15.10


ATF

Oggi più che mai “Questa terra è la mia terra”. La nostra terra. La terra di Palestina. Violata, depredata, ridotta a un cumulo di macerie. Ma resta e sarà per sempre la “nostra terra”.

La nostra terra

Nagham Zbeedat si occupa per Haaretz della società palestinese e araba israeliana. Il suo struggente racconto per il quotidiano progressista di Tel Aviv intreccia testimonianze struggenti e una denuncia severa, argomentata. Scrive Zbeedat: “Ogni anno, mio nonno organizzava riunioni di famiglia in occasione della Giornata della Terra, dove condivideva le sue storie. Una storia che continua a pesare nella mia mente è la tragica morte della nostra vicina di casa, Khadija Shawahna, una donna di 23 anni mandata dal padre a recuperare il fratello minore, Khalid. Khalid, di soli otto anni, si era unito alla protesta scatenata dalla confisca israeliana delle terre arabe vicino alla mia città natale di Sakhnin nel 1976, evento che ha catalizzato la giornata di protesta annuale.

Nonostante le speranze di suo padre che i soldati israeliani non avrebbero sparato a una donna, Khadija tornò a casa portata dai vicini, con il corpo intriso di sangue.

Questa storia straziante è una delle tante associate alla Giornata della Terra, una ricorrenza cupa celebrata sabato scorso dai palestinesi ovunque essi vivano. Per quelli che vivono in Israele, il fulcro è la marcia annuale attraverso la Galilea. Ricorda il marzo del 1976, quando scoppiarono proteste di massa in seguito alla confisca di terre di proprietà palestinese da parte di Israele, che misero a nudo la crescente tensione dell’epoca tra la popolazione palestinese in aumento e la diminuzione delle terre messe a disposizione dal governo.

Questo evento segnò un momento cruciale: per la prima volta dal 1948, i palestinesi in Israele protestarono collettivamente contro le politiche statali, ridisegnando le dinamiche della proprietà della terra e il rapporto tra i cittadini arabi e le autorità israeliane.

Sebbene la Giornata della Terra risalga a quasi 40 anni fa, noi palestinesi, da entrambi i lati della Linea Verde, la viviamo ancora quotidianamente e quest’anno è più importante che mai. Mentre protestiamo contro la confisca delle terre avvenuta nel 1976, ora protestiamo anche per fermare la guerra a Gaza e per evitare che l’escalation di richieste all’interno di Israele trasformi l’occupazione della Striscia di Gaza settentrionale in una realtà permanente, proprio come la Cisgiordania e gli insediamenti illegali.

La lotta per la terra persiste senza sosta. Peace Now ha scoperto che quest’anno segna un picco di terreni di proprietà privata dei palestinesi in Cisgiordania sequestrati da Israele. Il mese scorso, il Ministro delle Finanze Bezalel Smotrich, un fervente sostenitore del movimento dei coloni, ha annunciato ulteriori confische di terre in Cisgiordania.

E questa appropriazione di terre sembra destinata a estendersi alla Striscia di Gaza, dove è in corso una crescente campagna di rioccupazione dei territori sulla scia degli attacchi del 7 ottobre che hanno intensificato le tensioni e portato allo sfollamento delle comunità all’interno di Gaza.

I tentativi di confiscare la terra palestinese non si fermano alla Cisgiordania e a Gaza o all’interno di Israele. Il Mossawa Center, un centro di difesa per i cittadini arabi in Israele, sottolinea in un recente rapporto i tentativi dello Stato di evacuare i villaggi beduini non riconosciuti nel Negev, nonché la riduzione dei fondi per le città arabe nel bilancio 2024, che avrebbe dovuto includere fondi per l’espansione delle città arabe e che invece è stato drasticamente ridotto.

Questa discriminazione strutturale è visibile nei numeri. Mentre sono stati stanziati 330 milioni di shekel (90,2 milioni di dollari) per la pianificazione totale e l’edilizia in Israele, solo 6,68 milioni di shekel (1,8 milioni di dollari) sono stati destinati alla pianificazione strutturale delle città arabe e all’attuazione di un piano quinquennale per il progresso economico della comunità araba.

Leggi anche:  Il massacro di Deir Yassin: lo sterminio degli abitanti di un villaggio ebraico

Gli arabi in Israele rappresentano il 21% del paese, ma sono a malapena rappresentati nelle decisioni sull’assegnazione delle terre. Il Consiglio Nazionale per la Pianificazione e l’Edilizia di Israele, che pianifica e regolamenta l’uso e lo sviluppo del territorio nel paese, è composto da 32 membri. Solo tre di questi membri sono cittadini arabi di Israele.

Questo, osserva il Centro Mossawa, dimostra come i palestinesi che vivono in Israele siano esclusi dal processo di pianificazione nazionale. Questa offensiva sottorappresentazione riflette il maltrattamento e l’abbandono degli arabi palestinesi che vivono in Israele.

Anche quest’anno i manifestanti hanno marciato in occasione della Giornata della Terra. La lotta intergenerazionale per la giustizia era palpabile tra la folla di sabato; guardare un uomo, Ali Khalil, che marciava accanto al suo giovane nipote mi ha fatto tornare in mente i ricordi della mia infanzia, trascorsa a percorrere la distanza tra Sakhnin e Deir Hanna, anno dopo anno. Queste città della Galilea, profondamente colpite dalle ingiustizie del 1976, ospitano la marcia annuale del Land Day, dove una volta indossavo una kefiah al collo e facevo eco ai canti guidati dai leader della protesta.

Mi ha incuriosito la decisione del nonno di portare il nipote alla protesta. La sua risposta ha risuonato profondamente: “Voglio instillare in mio nipote la consapevolezza che questa terra è la nostra patria. Non dobbiamo mai dimenticare che questo suolo, queste case e l’aria che respiriamo qui ci appartengono”.

Navigando tra la folla, non ho potuto fare a meno di notare l’abbondanza di volti giovani in mezzo al mare di manifestanti. Nonostante la tentazione di una tranquilla giornata in spiaggia o di un picnic primaverile, questi giovani hanno scelto di indossare le loro kefiah, issare in alto la bandiera palestinese e intonare con passione le grida di protesta, come “Ehi occupante, ritira le tue forze, la colonizzazione non dura mai”. Una donna anziana ha cantato: “Anche se il cielo cade, non abbandonerò la mia terra”.

Ho avvicinato un giovane palestinese di 34 anni e gli ho chiesto cosa significasse per lui questa manifestazione annuale, considerando che la prima Giornata della Terra si è svolta quasi mezzo secolo fa. La sua risposta è stata profonda: “La Nakba continua, la confisca delle terre persiste e la soppressione del nostro popolo perdura: tutti i fattori che hanno portato alla Giornata della Terra sono ancora molto presenti oggi”.

E ha aggiunto: “Siamo una generazione che non ha assistito in prima persona alla Nakba del 1948, ma abbiamo imparato a conoscerla dai nostri anziani, dai libri di storia e dai resoconti documentati. È una lotta continua per portare alla luce la verità del nostro passato al fine di comprendere le sfide che affrontiamo nel presente”.

Sebbene la Giornata della Terra sia profondamente significativa per i palestinesi, spesso evoca paura tra molti ebrei israeliani, contribuendo a creare idee sbagliate sulle proteste arabe e sulle loro richieste di diritti umani fondamentali.

Quest’anno, però, sono stato sorpreso dalla crescente presenza di ebrei israeliani alla protesta, molti dei quali sventolavano bandiere palestinesi, indossavano kefiah e brandivano striscioni accanto alle loro controparti palestinesi. Un manifestante che ha fornito solo il suo nome di battesimo, Uri, è un membro del Movimento di Lotta Socialista. Ha espresso un potente messaggio di solidarietà: “Una società condivisa può essere raggiunta solo attraverso l’uguaglianza assoluta, la fine dell’occupazione, la rimozione dell’assedio su Gaza e la fine di tutte le forme di soppressione nazionale imposte ai palestinesi”.

Leggi anche:  Peter Maas: "Io ebreo e reporter di guerra, a Gaza crimini come a Sarajevo"

Mentre distribuiva striscioni che chiedevano la fine della guerra a Gaza e la cessazione immediata della fame forzata inflitta ai gazawi dalle politiche israeliane.

La cospicua presenza di dimostranti israeliani alla protesta contrastava nettamente con l’affluenza nettamente inferiore dei partecipanti palestinesi. Non riuscivo a togliermi dalla mente il ricordo del 2010, quando quasi 100.000 manifestanti si riversarono nelle strade di Sakhnin, Arrabah e Deir Hanna. La folla di sabato, per quanto consistente, non si è avvicinata ai numeri degli anni passati, non raggiungendo nemmeno la metà o un quarto delle affluenze precedenti.

Sebbene fattori come il digiuno del Ramadan e il clima torrido abbiano probabilmente contribuito alla diminuzione della partecipazione, dalle mie conversazioni con i manifestanti palestinesi è emerso chiaramente che altre questioni hanno giocato un ruolo significativo nello scoraggiare la loro partecipazione a un evento così importante.

“Ho un volo più tardi e non posso rischiare di essere arrestato all’aeroporto”, mi ha confessato un ventunenne palestinese che si è rifiutato di dire il suo nome ed è diventato diffidente quando ha saputo che ero un giornalista.

Allo stesso modo, quando mi è stato chiesto se potevo intervistarla per Haaretz, una donna di 29 anni ha detto: “Sono già stata arrestata due volte per aver organizzato e partecipato a delle proteste. Preferirei non affrontare la detenzione per la terza volta”. Queste interazioni sono state solo alcune tra le tante: molte persone hanno rifiutato di farsi fotografare o hanno insistito per essere fotografate solo di spalle, riflettendo una palpabile paura e riluttanza a impegnarsi apertamente nelle proteste.

La Giornata della Terra non è solo un evento particolare, ma simboleggia una lotta continua che si è svolta ogni giorno negli ultimi 76 anni dalla fondazione di Israele, e non solo nei 48 anni dalla sua nascita.

Questa lotta continua sottolinea la costante ricerca della giustizia, dell’uguaglianza e della conservazione della nostra terra, ricordandoci che la nostra lotta va ben oltre un singolo giorno o anno.

Così hanno violentato la Cisgiordania

Ne dà conto, con un documentato report, Hagar Shefaz: “Secondo un rapporto pubblicato mercoledì, quasi la metà dei terreni della Cisgiordania espropriati per scopi pubblici viene utilizzata solo dai coloni ebrei.

Questi terreni sono stati confiscati principalmente per la costruzione di infrastrutture come le strade, ma nel corso degli anni Israele ha emesso ordini di esproprio per lotti sui quali sono stati fondati quattro insediamenti. Nel corso degli anni, le sentenze dell’Alta Corte di Giustizia israeliana hanno stabilito che i terreni palestinesi in Cisgiordania possono essere confiscati solo per usi pubblici che vadano a beneficio anche dei palestinesi.

Il rapporto è stato pubblicato dalle organizzazioni non profit israeliane Kerem Navot e Haqel e ha rilevato che dei terreni espropriati in Cisgiordania, solo il 2% è utilizzato esclusivamente dai palestinesi. Il resto della terra è utilizzato in parte da entrambe le popolazioni e in parte solo dai coloni.

Secondo uno studio condotto da Dror Etkes e dall’avvocato Quamar Mishirqi-Assad, dall’occupazione della Cisgiordania nel 1967 fino al 2022, sono stati emessi 313 ordini di esproprio per scopi pubblici per terreni che coprono un’area di circa 74.000 dunam (circa 18.285 acri). Le terre confiscate che servono sia agli ebrei che ai palestinesi sono circa 37.000 dunam (circa 9.142 acri); quelle che servono solo ai coloni sono oltre 36.000 dunam (circa 8.895 acri). Solo 1.532 dunams (circa 378 acri) sono utilizzati esclusivamente dai palestinesi.

La maggior parte degli ordini di esproprio sono stati emessi per la costruzione di strade utilizzate sia dai palestinesi che dai coloni. In alcuni casi, tuttavia, gli ordini di esproprio sono stati emessi per la costruzione di sentieri di accesso ai vari insediamenti o di strade al loro interno.

Leggi anche:  A Gaza si muore ancora di fame: Netanyahu non ha mantenuto la promessa di far arrivare più aiuti

Un chiaro esempio di come le terre presumibilmente confiscate per uso pubblico vengano alla fine utilizzate solo dai coloni è la costruzione della strada utilizzata dai residenti dell’insediamento ebraico di Kedar nel 2002. Per costruire la strada, l’esercito israeliano ha espropriato circa 194 dunam (circa 48 acri) dal villaggio di Abu Dis, alla periferia di Gerusalemme.

Secondo il piano originale, la strada avrebbe dovuto collegare l’ingresso della città palestinese di Al-Eizariya con la strada principale che porta a Betlemme. L’esercito, tuttavia, ha bloccato la strada e per 20 anni è stata utilizzata quasi esclusivamente dai coloni di Kedar. L’anno scorso, l’esercito aveva previsto di rimuovere il blocco e di permettere anche ai viaggiatori palestinesi di utilizzare la strada, ma a seguito delle proteste dei coloni, il piano non è mai andato avanti.

La città di Ma’aleh Adumim, il parco industriale di Mishor Adumim e parte dell’insediamento di Mitzpe Yeriho sono stati costruiti su questi terreni, ma coprono solo un quarto dell’area totale espropriata. Anche gli insediamenti di Ofra e Har Gilo sono stati costruiti in questa zona e il controverso piano di costruzione nell’area E1 (tra Gerusalemme e Ma’aleh Adumim) dovrebbe essere costruito sulla base di questo ordine del 1975.

Israele ha anche emesso ordini di esproprio per siti archeologici. Ad esempio, recentemente sono stati espropriati 139 dunams (circa 39 acri) di terreno vicino alle case del villaggio palestinese di Al-Auja per il sito archeologico di Archelais. Al contrario, tra gli ordini di esproprio emessi solo per uso palestinese ci sono quelli per la costruzione di impianti di trattamento delle acque reflue e stazioni di autobus.

I dati mostrano una correlazione tra il numero di ordini di esproprio e l’aumento della costruzione di insediamenti. Secondo il rapporto, non si tratta di una coincidenza. Circa il 56% dei 179 ordini emessi fino ad oggi sono stati emessi tra il 1977 e il 1984, e proprio in quegli anni sono stati costruiti 70 nuovi insediamenti – un compito che ha richiesto la costruzione di infrastrutture e strade.

La posizione legale israeliana accettata è che l’espropriazione di terreni ad uso pubblico per i coloni è consentita solo se serve anche ai palestinesi. Questo è stato stabilito a seguito di una petizione presentata contro la costruzione della Strada 443 (che corre tra Tel Aviv e Gerusalemme), che ha stabilito che la strada può essere costruita perché serve entrambe le popolazioni.

Nel 2017, l’allora Procuratore Generale Avichai Mendelblit ha presentato un parere legale secondo cui i terreni palestinesi di proprietà privata potevano essere espropriati per l’uso pubblico degli insediamenti. Ciò rientrava nel tentativo di legalizzare l’avamposto ebraico di Harsha, complicato da una strada di accesso che passava attraverso terreni privati. Il parere è arrivato alla luce di una decisione dell’ex giudice della Corte Suprema Salim Joubran, il quale ha stabilito che i terreni possono essere confiscati a beneficio dei coloni israeliani perché anch’essi fanno parte della “popolazione locale” della Cisgiordania.

Nel 2020 la Presidente della Corte Suprema Esther Hayut ha annullato una legge che avrebbe legalizzato lo status degli insediamenti parzialmente costruiti su terreni palestinesi di proprietà privata, sostenendo che è “incostituzionale”. Nella sua sentenza, Hayut ha affermato che la legge “cerca di legalizzare retroattivamente gli atti illegali perpetrati da una specifica popolazione della regione, danneggiando i diritti di un’altra”, conclude Shefaz.

Parafrasando una mitica ballata di Woody Guthrie, “This land is our land”.

Native

Articoli correlati