A Gaza si muore ancora di fame: Netanyahu non ha mantenuto la promessa di far arrivare più aiuti
Top

A Gaza si muore ancora di fame: Netanyahu non ha mantenuto la promessa di far arrivare più aiuti

L’aumento degli aiuti a Gaza promesso da Benjamin Netanyahu a Joe Biden una settimana fa non si è finora concretizzato: lo hanno denunciato gli operatori umanitari.

A Gaza si muore ancora di fame: Netanyahu non ha mantenuto la promessa di far arrivare più aiuti
Aiuti umanitari lanciati a Gaza con il paracadute
Preroll

globalist Modifica articolo

12 Aprile 2024 - 11.31


ATF

L’aumento degli aiuti a Gaza promesso da Benjamin Netanyahu a Joe Biden una settimana fa non si è finora concretizzato: lo hanno denunciato gli operatori umanitari.

Il capo degli aiuti statunitense ha confermato che la carestia sta cominciando a prendere piede in alcune parti della fascia costiera assediata.

L’aumento del numero di camion che attraversano Gaza, rivendicato da Israele, è in conflitto con i dati delle Nazioni Unite e sembra già vacillare. “Finora ce n’è molto meno di quanto sembri”, ha detto Jeremy Konyndyk, ex alto funzionario dell’amministrazione Biden e ora presidente dell’organizzazione per la difesa degli aiuti internazionali dei rifugiati. “In realtà è cambiato molto poco”.

Secondo il canale israeliano N12, una delle promesse di Netanyahu a Biden, ovvero aprire il porto di Ashdod a nord di Gaza come portale per gli aiuti umanitari via mare, non ha portato ad alcuna azione apparente. N12 ha riferito che nessuna delle Forze di difesa israeliane (IDF), il Coordinatore israeliano delle attività governative nei territori (Cogat) né le autorità portuali di Ashdod hanno finora ricevuto istruzioni sull’apertura della struttura alle spedizioni dirette a Gaza.

Leggi anche:  Salito a 810 mila il numero dei palestinesi costretti a fuggire da Rafah dopo gli attacchi israeliani

I funzionari israeliani avevano promesso per settimane alle loro controparti statunitensi che sarebbe stato aperto un valico nel nord di Gaza, dove la fame è più grave. Sarebbe stato a Erez, che era il principale punto di confine prima dell’attuale guerra, o in un nuovo sito, hanno informato Washington. Nessuna decisione, tuttavia, è stata presa fino a mercoledì, sei giorni dopo la chiamata Biden-Netanyahu, quando il ministro della Difesa, Yoav Gallant, ha detto che era iniziata la costruzione di un nuovo passaggio a livello. Non è chiaro quanto dureranno i lavori di costruzione.

Native

Articoli correlati