L'Onu smentisce le accuse di Israele all'Unrwa: la Germania torna a finanziare l'agenzia umanitaria
Top

L'Onu smentisce le accuse di Israele all'Unrwa: la Germania torna a finanziare l'agenzia umanitaria

Il governo tedesco intende riprendere la cooperazione con l'agenzia delle Nazioni Unite per i palestinesi (UNRWA) a Gaza,

L'Onu smentisce le accuse di Israele all'Unrwa: la Germania torna a finanziare l'agenzia umanitaria
Preroll

globalist Modifica articolo

24 Aprile 2024 - 09.44


ATF

Il governo tedesco intende riprendere la cooperazione con l’agenzia delle Nazioni Unite per i palestinesi (UNRWA) a Gaza, secondo quanto riferito in una dichiarazione congiunta mercoledì i suoi ministri degli Esteri e dello sviluppo.

La decisione fa seguito a un’indagine condotta dall’ex ministro degli Esteri francese Catherine Colonna per accertare se un numero significativo di dipendenti dell’Unrwa abbiano legami con Hamas o con la Jihad islamica. Lunedì la revisione della neutralità dell’agenzia ha concluso che Israele deve ancora sostenere le sue accuse.

I ministeri tedeschi hanno esortato l’UNRWA ad attuare rapidamente le raccomandazioni del rapporto, compreso il rafforzamento della sua funzione di audit interno e il miglioramento del controllo esterno della gestione dei progetti.

“A sostegno di queste riforme, il governo tedesco continuerà presto la sua cooperazione con l’Unrwa a Gaza, come hanno già fatto, tra gli altri, Australia, Canada, Svezia e Giappone”, hanno affermato i ministri nella nota.

Lunedì il portavoce del ministero degli Esteri israeliano Oren Marmorstein ha accusato più di 2.135 lavoratori dell’Unrwa di essere membri di Hamas o della Jihad islamica palestinese. Secondo lui la revisione Colonna dell’Unrwa è insufficiente e costituisce uno “sforzo per evitare il problema”.

Leggi anche:  Guterres (Onu) definisce 'orribile' il bombardamento israeliano nella scuola dell'Unrwa

Gli Stati Uniti, che in passato erano il principale donatore dell’Unrwa, hanno escluso la ripresa dei finanziamenti almeno fino a marzo 2025.

Native

Articoli correlati