Israele, una rivolta popolare contro il "governo dei lutti e fallimenti"
Top

Israele, una rivolta popolare contro il "governo dei lutti e fallimenti"

L’ultima sconfitta di Netanyahu nelle elezioni data 1999. E a sconfiggerlo fu, il soldato più decorato nella storia d’Israele: Ehud Barak

Israele, una rivolta popolare contro il "governo dei lutti e fallimenti"
Proteste in Israele contro il governo Netanyahu
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

14 Giugno 2024 - 14.59


ATF

Lui, Benjamin “Bibi” Netanyahu, lo conosce bene, di certo meglio di qualsiasi altro avversario del premier più longevo nella storia d’Israele. L’ultima sconfitta di Netanyahu nelle elezioni data 1999. E a sconfiggerlo fu, il soldato più decorato nella storia d’Israele: Ehud Barak. Lo fece sfidando “Bibi” sul suo stesso terreno: quello della sicurezza, ricordandogli in ogni dibattito televisivo, in ogni intervista o spot elettorale, che nell’esercito Netanyahu è stato suo subalterno, e dunque non ci provasse nemmeno a spiegare a lui come si combattono i nemici d’Israele. Ed oggi, per Barak il primo “nemico” d’Israele è colui che lo governa. E dalle colonne di Haaretz invoca una rivolta popolare che spazzi via il “governo dei lutti e dei fallimenti”.

Rivolta di popolo

Scrive Barak: “Israele è al culmine di una crisi in via di sviluppo che è lungi dall’essere superata. È la crisi più grave e pericolosa della storia del Paese. È iniziata il 7 ottobre con il peggior fallimento della storia di Israele. Ed è proseguita con una guerra che, nonostante il coraggio e il sacrificio di soldati e ufficiali, sembra essere la meno riuscita della sua storia, a causa della paralisi strategica della leadership del Paese.

Ora ci troviamo di fronte a decisioni difficili tra alternative terribili per quanto riguarda la continuazione dei combattimenti nella Striscia di Gaza, l’espansione dell’operazione contro Hezbollah nel nord e il rischio di una guerra su più fronti che includerebbe l’Iran e i suoi proxy. E tutto questo avviene mentre sullo sfondo continua il colpo di Stato giudiziario, con l’obiettivo di instaurare una dittatura religiosa razzista, ultranazionalista, messianica e benpensante.

La crisi ci impone di mobilitare tutto ciò che di forte, buono ed efficace c’è in noi per tornare a percorrere la strada della crescita, dell’emancipazione, dell’illuminazione e della speranza che Israele ha percorso durante la maggior parte della sua storia. Sarebbe una vera vittoria.

In questo momento non possiamo permetterci altri errori. Dobbiamo guardare direttamente e con coraggio a ciò che ci è successo e perché, e poi dobbiamo essere determinati a rimediare rapidamente, nonostante l’opposizione che ciò genererà. Ciò richiederà decisione, coraggio e azione – da parte dei membri dell’opposizione, dei membri della coalizione di governo con spina dorsale e anche da parte nostra, l’intera cittadinanza.

Questa è una vera emergenza! Il punto cruciale del nostro disastro è che, nel bel mezzo di una catastrofe, Israele è guidato da un governo e da un primo ministro palesemente inadatti alle loro funzioni.

Le persone responsabili di ciò che è accaduto il 7 ottobre e della gestione della guerra fallita a Gaza non sono adatte a guidare Israele in una nuova era i cui rischi saranno molto maggiori. Un capitano che ha già affondato due navi, una dopo l’altra, non può essere incaricato del timone della terza e ultima nave.

Leggi anche:  Israele, il colpo di stato a 360 gradi nell'unica democrazia in Medio Oriente

Dobbiamo sostituire immediatamente questo governo fallito, fissando una data concordata per le elezioni o, in alternativa, organizzando un voto di sfiducia costruttivo. E questo deve avvenire durante l’attuale sessione della Knesset, cioè nelle prossime cinque settimane. Se questo governo di lutti e fallimenti rimarrà al suo posto, nel giro di pochi mesi, o addirittura settimane, rischiamo di trovarci profondamente impantanati in un “fronte unificato” – il sogno di Qassem Soleimani, comandante ucciso della forza Quds delle Guardie rivoluzionarie iraniane. Saremo ancora a Gaza, senza una chiara vittoria, mentre ci troveremo in una guerra totale con Hezbollah nel nord, una terza intifada in Cisgiordania, conflitti con gli Houthi nello Yemen e con le milizie irachene sulle alture del Golan e, naturalmente, un conflitto con l’Iran stesso, che ha già dimostrato con l’attacco missilistico di aprile di essere disposto ad agire direttamente contro di noi. E tutto questo avverrebbe mentre Israele è isolato e in contrasto con gli Stati Uniti, l’unico Paese che ci fornisce armi e un efficace sostegno diplomatico. Siamo minacciati da azioni da parte di entrambi i tribunali internazionali dell’Aia e stiamo affrontando un gruppo di Paesi che cercano di riconoscere uno Stato palestinese anche senza negoziati con Israele. Questa combinazione crea un pericolo chiaro e attuale per la sicurezza del Paese e per il suo futuro, oltre al pericolo per il suo futuro come democrazia funzionante. Se riusciremo a ripristinare le nostre strette relazioni con l’amministrazione statunitense, ciò potrebbe consentirci di procedere alla normalizzazione con l’Arabia Saudita e di forgiare una forza araba che sostituisca le Forze di Difesa Israeliane a Gaza e fornisca sostegno al ritorno del controllo civile da parte di un attore palestinese diverso da Hamas. Tutto questo dovrà essere accompagnato da uno sforzo per bloccare i mandati di arresto della Corte penale internazionale e per uscire dal nostro isolamento internazionale.

In altre parole, dobbiamo dire “sì, ma” al Presidente degli Stati Uniti Joe Biden e “no” con la N maiuscola ai ministri di estrema destra Itamar Ben-Gvir e Bezalel Smotrich.

E per chiunque si chieda come sia possibile porre fine alla guerra prima di raggiungere la “vittoria assoluta”, ecco la mia risposta: Siamo lontani dalla fine a Gaza – almeno sette mesi secondo il consigliere per la sicurezza nazionale Tzachi Hanegbi, anni secondo il presidente del Partito di unità nazionale ed ex membro del Gabinetto di guerra Benny Gantz. Non siamo “a un passo”.

Ciò che serve ora è un accordo immediato per riportare a casa gli ostaggi, anche al prezzo di impegnarsi a porre fine alla guerra; calmare la situazione nel sud; calmare il nord attraverso un accordo diplomatico, anche se solo temporaneo, con la mediazione di Washington; riportare a casa le persone evacuate dal sud e dal nord di Israele; rifornire i nostri arsenali e permettere alle nostre truppe di riprendersi; e riportare l’economia al normale funzionamento. A quel punto, gli ostaggi torneranno nelle bare, oppure saranno come Ron Arad, il navigatore dell’aviazione militare scomparso in Libano nel 1982 e la cui sorte rimane sconosciuta. E abbandonarli per la seconda volta distruggerebbe le fondamenta morali della nostra società e del nostro Paese.

Leggi anche:  Cisgiordania, le verità scomode del generale Fuchs

Aggiungo solo una cosa: “La vittoria assoluta” è sempre stato uno slogan vuoto. E sotto la fallimentare leadership del Primo ministro Benjamin Netanyahu, siamo sempre più vicini al fallimento totale.

Per quanto riguarda l’idea di porre fine alla guerra con impegni internazionali, dobbiamo ricordare che se Hamas o Hezbollah minacciano Israele tra altri sei mesi, o un altro anno e mezzo, in modo da richiedere un’azione, il governo sovrano di Israele può decidere di agire nonostante gli impegni internazionali. Questo sarà vero per qualsiasi futuro primo ministro, e certamente per Netanyahu, che ha violato innumerevoli impegni politici e internazionali. Inoltre, anche chi non è d’accordo con il formato “sì, ma” di Biden deve comunque lavorare per sostituire questo governo il prima possibile, per fermare la nostra marcia lungo il pendio scivoloso verso l’abisso che ho descritto sopra. La maggior parte delle condizioni per prevenire con successo questo disastro imminente esiste già: il riconoscimento della portata del fallimento, le proteste pubbliche e la crescente comprensione della portata del nostro fallimento militare, economico, diplomatico e morale nei confronti del mondo, dei nostri valori, dei valori della Dichiarazione di Indipendenza e, soprattutto, dei nostri soldati. I leader del Paese, che stanno portando avanti una legge che sancisce la rinuncia alla leva, non sono degni del coraggio, dell’impegno e del sacrificio dei soldati.

Manca un’opposizione che si faccia promotrice di questa iniziativa e che la legittimi. E questa non emergerà dai normali intrighi politici. In questa apparizione congiunta, i leader dell’opposizione dovrebbero dire quanto segue: Non siamo un partito, un movimento o un nuovo blocco. Abbiamo disaccordi su molte questioni. Ma data la gravità della minaccia rappresentata dalla permanenza in carica di questo governo e del suo primo ministro, invitiamo l’intera opinione pubblica a lavorare insieme a noi per rovesciare il governo.

Potrebbero indire uno sciopero nazionale che chiuda il Paese, coinvolgendo la federazione dei lavoratori Histadrut e le organizzazioni dei datori di lavoro, l’alta tecnologia e il mondo accademico, i governi locali, il sistema scolastico e i movimenti giovanili. Inoltre, dovrebbero essere organizzate dimostrazioni di massa in tutto il Paese e la Knesset dovrebbe essere circondata da 30.000 tende in cui i manifestanti siederebbero 24 ore su 24, 7 giorni su 7 (a turni) fino alla caduta del governo.

Leggi anche:  Israele, il bi-colpo di stato

Abbiamo bisogno di un passo urgente che chiarisca agli israeliani che è arrivato il momento della decisione e ai leader dell’opposizione che è ora di agire. Abbiamo bisogno di un’apparizione congiunta di tutti i leader dell’opposizione, Yair Lapid e Avigdor Lieberman, Gantz e Gadi Eisenkot, Gideon Sa’ar e Yair Golan. Aggiungerei anche l’ex Primo Ministro Naftali Bennett, che a quanto pare avrà un ruolo chiave nel prossimo capitolo di Israele. Dovrebbero dire: “Noi, membri della Knesset, saremo con voi – non solo Gilad Kariv e Naama Lazimi, ma tutti noi. Boicotteremo tutti i lavori di routine delle commissioni della Knesset e torneremo solo per discutere lo scioglimento della Knesset o una mozione di sfiducia costruttiva. Resteremo uniti fino alla vittoria. Insieme vinceremo”. E a tutti i membri dell’opposizione che dicono che si sta esagerando, risponderei: “E come farete a raggiungere l’obiettivo senza questo? E cosa significa andare troppo oltre? Se aveste fatto anche solo un quarto di quello che Netanyahu avrebbe fatto se il 7 ottobre fosse accaduto quando Bennett o Lapid erano primi ministri, avremmo avuto un governo diverso molto tempo fa”.

Alcuni si chiederanno: “Perché siamo noi a dover agire?”. A costoro faccio notare che le cose brutte accadono quando le persone buone non fanno nulla.

Altri, in posizioni di influenza, chiederanno: “È davvero il momento di agire?”. A loro cito Dante: “I luoghi più caldi dell’inferno sono riservati a coloro che, in tempi di grande crisi morale, mantengono la loro neutralità”. Se non si rimuove rapidamente questo governo e il suo leader, si metterà in pericolo il futuro di Israele e persino la sua esistenza. È il momento di agire. Nessun momento sarà mai migliore. Non ci perdoneremo mai, né ci perdoneranno le generazioni future, se cammineremo con gli occhi spalancati, ma totalmente ciechi, verso l’abisso morale e la minaccia esistenziale che ci stanno davanti”.

I sognatori e i combattenti delle generazioni precedenti, come gli ufficiali e i soldati dell’Idf di oggi, si aspettano che rinsaviamo e agiamo. È nelle nostre mani. E dobbiamo sapere come agire. Che sia così”, conclude Barak.

A 82 anni, l’uomo più decorato nella storia d’Israele ha deciso di combattere l’ultima “battaglia”. Non ha più ambizione politiche, non è mosso da interessi personali. Sa che in gioco c’è il futuro d’Israele, la sua democrazia, la pace. Basta e avanza per tornare in campo. 

Native

Articoli correlati