Il Cremlino contro la conferenza svizzera sull'Ucraina: "Non era cosa seria, risultati sotto lo zero"
Top

Il Cremlino contro la conferenza svizzera sull'Ucraina: "Non era cosa seria, risultati sotto lo zero"

Lo ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov commentando il fatto che Brasile, India, Sud Africa e Arabia Saudita non hanno sottoscritto il comunicato finale

Il Cremlino contro la conferenza svizzera sull'Ucraina: "Non era cosa seria, risultati sotto lo zero"
Ursula von der Leyen, la presidente della Svizzera Viola Amherd e Volodymyr Zelensky
Preroll

globalist Modifica articolo

17 Giugno 2024 - 12.52


ATF

Le principali potenze regionali, tra cui Brasile, India, Sud Africa e Arabia Saudita, non hanno sottoscritto un comunicato congiunto rilasciato al termine della conferenza in cui più di 80 paesi e organizzazioni internazionali hanno approvato la loro integrità territoriale di fronte all’invasione della Russia (si può leggi il nostro resoconto completo sul comunicato qui).

“Se parliamo dei risultati di questo incontro, allora scendono a zero”, ha detto il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov.

“Molti paesi hanno compreso la mancanza di prospettiva di qualsiasi discussione seria senza la presenza del nostro Paese”. Ha detto che Vladimir Putin è “ancora aperto al dialogo e alla discussione seria”.

Prima del vertice in Svizzera di questo fine settimana, Putin ha chiesto che le truppe ucraine lasciassero quattro regioni dell’Ucraina orientale parzialmente occupate dalle sue truppe. In un altro fallimento diplomatico per Kiev, il presidente russo ha anche invitato l’Ucraina ad abbandonare il progetto di aderire alla NATO.

Leggi anche:  Il Cremlino non nasconde la delusione per la mancata vittoria della beniamina Le Pen
Native

Articoli correlati