Giorgia Meloni, vittimismo in salsa G7: lo squadrismo della destra è colpa delle provocazioni di chi vuole danneggiarla
Top

Giorgia Meloni, vittimismo in salsa G7: lo squadrismo della destra è colpa delle provocazioni di chi vuole danneggiarla

Giorgia Meloni rilancia la sindrome di accerchiamento. E parla di provocazioni per giustificare lo squadrismo parlamentare della sua maggioranza

Giorgia Meloni, vittimismo in salsa G7: lo squadrismo della destra è colpa delle provocazioni di chi vuole danneggiarla
Milei e Giorgia Meloni
Preroll

globalist Modifica articolo

15 Giugno 2024 - 16.46


ATF

Anche al G7 fa il vittimismo e invece di pensare alla destra squadrista talmente anti-italiana che vive il tricolore come una provocazione o di pensare ai giovani di Fratelli d’Italia che in pubblico interpretano la parte dei moderati e in pubblico inneggiano a quel criminale di Mussolini , Giorgia Meloni rilancia la sindrome di accerchiamento.

“Trovo grave che ci siano esponenti della maggioranza che cadano nelle provocazioni, prevedo che le provocazioni aumenteranno. Penso che i cittadini italiani si debbano interrogare su quale sia l’amore per la nazione di esponenti politici che cercano di provocare per ottenere un risultato come quello che hanno ottenuto, dileggiando i membri del governo, cercando di occupare i banchi del governo proprio mentre gli occhi mondo puntati su di noi”.

Lo ha detto la presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, nella conferenza stampa finale del G7 in Puglia, interpellata sulla rissa scatenata alla Camera durante l’esame del ddl autonomia.

“Per tutti quelli bravi a darci lezioni sul rispetto delle istituzioni: forse se si parte dal rispetto della propria nazione si arriva anche a un rispetto delle istituzioni. Ma neanche questo è riuscito a rovinare l’ottima riuscita di questo vertice”, ha concluso.

Leggi anche:  Von der Leyen: alla fine Giorgia Meloni sceglie di non scontentare i 'fasci' e vota contro

La verità, come al solito, sta da un’altra parte. È la sedicente patriota Giorgia Meloni che spacca l’Italia premiando le aree ricche a danno di quelle povere e ha nella sua maggioranza molti energumeni. Senza parlare – per cambiare argomento – dei suoi parlamentari che girano con la pistola a Capodanno, vengono candidati o tenuti in parlamento con le condanne passate in giudicato e in passato hanno commesso molte azioni che hanno dimostrato lo scarso attaccamento alle istituzioni.

Native

Articoli correlati