Guerra di Gaza, oltre ai morti il costo climatico: dilagano le emissioni di Co2
Top

Guerra di Gaza, oltre ai morti il costo climatico: dilagano le emissioni di Co2

Nei primi due mesi di guerra a Gaza, si stima che siano state generate emissioni inquinanti equivalenti a 281.315 tonnellate di CO2, come se fossero state bruciate 150mila tonnellate di carbone.

Guerra di Gaza, oltre ai morti il costo climatico: dilagano le emissioni di Co2
Preroll

globalist Modifica articolo

9 Gennaio 2024 - 16.44


ATF

Le guerre non producono solo morte e distruzione, ma contribuiscono anche significativamente al riscaldamento climatico. Nei primi due mesi di guerra a Gaza, si stima che siano state generate emissioni inquinanti equivalenti a 281.315 tonnellate di CO2, come se fossero state bruciate 150mila tonnellate di carbone. I dati, scrive il Guardian, sono stati raccolti in studio di ricercatori americani e britannici, pubblicato dal Social Science Research Network. Sono numeri, viene evidenziato, che superano le emissioni annuali di una ventina fra i paesi più a rischio per gli effetti dei cambiamenti climatici.

La quasi totalità del’inquinamento è stata provocata dalla risposta militare al massacro perpetrato da Hamas il 7 ottobre. I dati comprendono la CO2 prodotta dai voli degli aerei militari israeliani e le emissioni provocate dalla produzione e lo scoppio di bombe, proiettili d’artiglieria e razzi. Circa la metà delle emissioni è da attribuire agli almeno 200 voli cargo americani che hanno portato entro il 4 dicembre 10mila tonnellate di rifornimenti militari in Israele. I soli voli hanno diffuso nell’atmosfera 133.000 tonnellate di CO2, quanto inquina in un’anno l’isola di Grenada. I razzi sparati da Hamas contro Israele hanno generato 713 tonnellate di CO2, come 300 tonnellate di carbone.

Leggi anche:  L'Ue approva la legge per ripristinare il 20% delle terre e dei mari: sconfitta la destra negazionista

«Questo studio è soltanto un’istantanea della più ampia impronta della guerra, un quadro parziale delle massicce emissioni di carbonio e degli inquinanti tossici che rimarranno a lungo dopo che la guerra sarà finita», afferma Benjamin Neimark, della Queen Mary University of London, uno dei co-autori della ricerca.

Native

Articoli correlati