Gaza, i militari israeliani impediscono l'arrivo di ossigeno e carburante all'ospedale di al-Amal
Top

Gaza, i militari israeliani impediscono l'arrivo di ossigeno e carburante all'ospedale di al-Amal

La Mezzaluna Rossa Palestinese (PRCS) ha affermato che le forze israeliane hanno impedito all’ossigeno di raggiungere l’ospedale di al-Amal per oltre una settimana, provocando la morte di tre pazienti.

Gaza, i militari israeliani impediscono l'arrivo di ossigeno e carburante all'ospedale di al-Amal
Militare israeliano a Gaza
Preroll

globalist Modifica articolo

11 Febbraio 2024 - 14.32


ATF

Le forze israeliane impediscono che l’ossigeno raggiunga l’ospedale di al-Amal e stanno bloccando la consegna di carburante

La Mezzaluna Rossa Palestinese (PRCS) ha affermato che le forze israeliane hanno impedito all’ossigeno di raggiungere l’ospedale di al-Amal per oltre una settimana, provocando la morte di tre pazienti.

La PRCS ha affermato che anche Israele non ha fornito attrezzature mediche e continua a bloccare la fornitura di carburante per i generatori di elettricità dell’ospedale, nonostante la fornitura di carburante si esaurisca in due giorni, rischiando un arresto.

In un post su X, il PRCS ha scritto:

Le forze di occupazione israeliane affermano di aver consegnato bombole di ossigeno all’ospedale di al-Amal, ma in realtà hanno impedito all’ossigeno di raggiungere l’ospedale per oltre una settimana, provocando la morte di tre pazienti, nonostante i continui sforzi di coordinamento con le organizzazioni internazionali.

Due giorni fa, dopo forti pressioni, abbiamo ottenuto l’autorizzazione a portare l’ossigeno in ospedale. L’ambulanza della Mezzaluna Rossa Palestinese ha trasportato 25 bombole di ossigeno dall’ospedale Nasser.

Leggi anche:  A Rafah cinque persone uccise nel bombardamento israeliano di una casa

Tuttavia, le autorità di occupazione hanno chiesto che le bombole fossero collocate più vicino all’ospedale, promettendo di consegnarle. Il giorno seguente, solo 21 bombole di ossigeno furono piazzate davanti all’edificio dell’ospedale dalle forze di occupazione.

Native

Articoli correlati