Oxfam contro Israele: il rischio genocidio aumenta nel nord di Gaza
Top

Oxfam contro Israele: il rischio genocidio aumenta nel nord di Gaza

Oxfam ha espresso preoccupazione per l’accesso ai terreni agricoli nel nord della Striscia di Gaza e ha affermato che “il rischio di genocidio sta aumentando nel nord di Gaza” a causa dell’incapacità di Israele di facilitare l’accesso agli aiuti umanitari

Oxfam contro Israele: il rischio genocidio aumenta nel nord di Gaza
Militari israeliani
Preroll

globalist Modifica articolo

27 Febbraio 2024 - 11.42


ATF

Oxfam ha espresso preoccupazione per l’accesso ai terreni agricoli nel nord della Striscia di Gaza e ha affermato che “il rischio di genocidio sta aumentando nel nord di Gaza” a causa dell’incapacità di Israele di facilitare l’accesso agli aiuti umanitari.

Sally Abi Khalil, direttrice di Oxfam per il Medio Oriente e il Nord Africa, ha dichiarato: “Il rischio di genocidio sta aumentando nel nord di Gaza perché il governo di Israele sta ignorando una delle disposizioni chiave della Corte internazionale di giustizia, ovvero fornire servizi di base e aiuti umanitari urgentemente necessari. assistenza.”

L’agenzia umanitaria ha ricevuto segnalazioni di persone nel nord del territorio che ricorrono all’acqua potabile dei servizi igienici, alla ricerca di piante selvatiche e sono costrette a utilizzare foraggio animale per produrre il pane.

Una delle organizzazioni partner di Oxfam nella regione è l’Associazione palestinese per lo sviluppo agricolo, il cui direttore delle operazioni a Gaza, Hani Al Ramlawi, ha dichiarato:

I prossimi due mesi dovrebbero essere il periodo d’oro della produzione [agricola]. Tuttavia, se le aziende agricole non sono già state distrutte, allora è stato reso impossibile l’accesso, perché qualsiasi agricoltore che tenta di farlo sarà preso di mira direttamente dalle forze israeliane. E senza acqua, senza elettricità, i terreni agricoli non significano nulla.

Leggi anche:  Guerra di Gaza, Provenzano (Pd): "Israele è responsabile dell'escalation, dai leader Ue solo retorica di guerra"
Native

Articoli correlati