Rafah, nuova strage iraeliana: sotto le bombe muoiono 18 palestinesi, tra cui 14 bambini
Top

Rafah, nuova strage iraeliana: sotto le bombe muoiono 18 palestinesi, tra cui 14 bambini

Gli attacchi notturni israeliani su Rafah hanno ucciso 18 persone, tra cui 14 bambini, hanno detto i funzionari sanitari in un aggiornamento (in precedenza il bilancio era di 13 persone, tra cui 9 bambini uccisi negli attacchi notturni).

Rafah, nuova strage iraeliana: sotto le bombe muoiono 18 palestinesi, tra cui 14 bambini
Bombardamenti israeliani a Gaza
Preroll

globalist Modifica articolo

21 Aprile 2024 - 12.35


ATF

Gli attacchi notturni israeliani su Rafah hanno ucciso 18 persone, tra cui 14 bambini, hanno detto i funzionari sanitari in un aggiornamento (in precedenza il bilancio era di 13 persone, tra cui 9 bambini uccisi negli attacchi notturni).

Il primo attacco ha ucciso un uomo, sua moglie e il loro bambino di 3 anni, secondo il vicino ospedale kuwaitiano che ha ricevuto i corpi. La donna era incinta e i medici sono riusciti a salvare il bambino, ha detto l’ospedale.

Secondo l’Associated Press, il secondo attacco ha ucciso 13 bambini e due donne, tutti appartenenti alla stessa famiglia.

Israele ha effettuato raid aerei quasi quotidiani su Rafah, dove più della metà della popolazione di Gaza, composta da 2,3 milioni di abitanti, ha cercato rifugio dai bombardamenti israeliani altrove.

Secondo quanto riferito, Israele ha schierato ulteriore artiglieria e mezzi corazzati da trasporto truppe alla periferia della Striscia di Gaza, suggerendo che l’esercito si sta preparando per l’offensiva di terra a lungo minacciata su Rafah, dove secondo i funzionari israeliani Hamas ha la sua ultima roccaforte a Gaza.

Leggi anche:  Guerra di Gaza, il governo Meloni cambia la parola "catastrofe" in "crisi". Le opposizioni: "Non vi vergognate?"

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, e funzionari delle Nazioni Unite, hanno avvertito che un’offensiva militare israeliana di terra nella città meridionale di Gaza porterebbe a un “bagno di sangue”.

Native

Articoli correlati