Non ce l'ha fatta la piccola nata con un cesareo d'urgenza dopo che la mamma era stata uccisa dagli israeliani
Top

Non ce l'ha fatta la piccola nata con un cesareo d'urgenza dopo che la mamma era stata uccisa dagli israeliani

Non ce l'ha fatta Sabreen al-Sakani, la bambina nata con un parte cesareo d'urgenza nell'ospedale di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, mentre la madre moriva dopo che la sua casa era stata colpita da un raid aereo israeliano

Non ce l'ha fatta la piccola nata con un cesareo d'urgenza dopo che la mamma era stata uccisa dagli israeliani
Ambulanza a Gaza
Preroll

globalist Modifica articolo

26 Aprile 2024 - 09.54


ATF

Una storia tristissima. Non ce l’ha fatta Sabreen al-Sakani, la bambina nata con un parte cesareo d’urgenza nell’ospedale di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, mentre la madre moriva dopo che la sua casa era stata colpita da un raid aereo israeliano. Lo riporta la Bbc scrivendo la parola fine a una storia che era di speranza, a un successo dei medici che erano riusciti a estrarre viva la neonata dal ventre della madre morente e a rianimare la bambina pompandole aria nei polmoni.

La madre, incinta di 30 settimane, era stata uccisa insieme al marito Shukri e all’altra figlia di tre anni Malak mentre dormivano. La neonata che portava in grembo era viva dopo il cesareo ed era stata trasferita in una incubatrice dopo essere stata stabilizzata. Le sue condizioni erano comunque state giudicate da subito critiche. La nonna materna Mirvat al-Sakani aveva detto alla Bbc che avrebbe adottato la bambina. Ora Sabreen, a cui è stato dato il nome della madre, è stata sepolta insieme a lei.

Leggi anche:  Guerra di Gaza, Boldrini: "Israele accetti la risoluzione dell'Onu e fermi la carneficina del popolo palestinese"

Sabreen è tra i 16 bambini che sono stati uccisi in due raid aerei lanciati dalle Forze di difesa israeliana su Rafah lo scorso fine settimana. Tutti sono stati uccisi in un bombardamento che ha preso di mire il complesso residenziale dove vivevano. L’Idf ha riferito di aver preso di mira miliziani e infrastrutture di Hamas.

Native

Articoli correlati