Silenzi e bugie per la sorte dei marinai della nave affondata dagli ucraini in Crimea
Top

Silenzi e bugie per la sorte dei marinai della nave affondata dagli ucraini in Crimea

L'attacco fa saltare in aria la grande nave da sbarco Novocherkassk della flotta russa del Mar Nero. Foto e filmati sono inequivocabili, la nave è distrutta, ma il Ministero della Difesa della Federazione Russa

Silenzi e bugie per la sorte dei marinai della nave affondata dagli ucraini in Crimea
Novocherkassk
Preroll

globalist Modifica articolo

12 Febbraio 2024 - 14.39


ATF

È il 26 dicembre del 2023, le forze armate ucraine lanciano un attacco missilistico sul porto di Feodosia, nella Crimea annessa. L’attacco fa saltare in aria la grande nave da sbarco Novocherkassk della flotta russa del Mar Nero. Foto e filmati sono inequivocabili, la nave è distrutta, ma il Ministero della Difesa della Federazione Russa, come è costume, si limita a dire che la nave “è stata danneggiata mentre respingeva un attacco delle forze armate ucraine”.

Le foto scattate dopo l’impatto raccontano un’altra storia, mostrano che la nave era quasi completamente sommersa. Anche sui morti c’è riserbo, e ci sono bugie dette ai familiari lontani. Ufficialmente, non sono state segnalate vittime militari. Diversamente, il canale Telegram Astra, citando sue fonti, ha ricostruito che al momento dell’attacco sulla nave c’erano 77 marinai, 33 di loro erano dispersi, 19 feriti.

I parenti non si danno pace, stanno cercando altri quattro marinai della Novocherkassk. Alla fine di gennaio, l’Istituto dell’automobile e della strada e il ginnasio della città di Shakhty pubblicarono necrologi per ricordare un loro diplomato, il marinaio Igor Meshcheryakov, morto sulla Novocherkassk. Pubblicazioni presto cancellate.

Leggi anche:  Crimea: cinque ucraini condannati a 16 anni per aver passato informazioni militari a Kiev

Adesso, la sorella di uno dei marinai scomparsi dopo l’attacco delle forze armate ucraine alla nave Novocherkassk, a Feodosia, al canale telegram “Possiamo spiegare”, racconta che il Ministero della Difesa tutt’oggi non ha informato i parenti sulla sorte dei militari. “Stiamo contattando i vertici militari, stiamo cercando di capire le cose anche da soli. Non hanno ancora trovato il nostro ragazzo, non ci dicono niente. Io spero ancora che mio fratello sia vivo, non so come, ma penso che sia vivo”, ha detto Valeria, la sorella del guardiamarina Alexei Ushakov.

Ma Valeria non è sola, parenti di altri marinai sui social scrivono che non perdono la speranza: forse i loro cari sono sopravvissuti – dicono – potrebbero essere in coma farmacologico nei centri ustionati, giacere in un ospedale “sotto falso nome”.

Oltre a Ushakov, “We Can Explain” ha trovato l’appello di altri parenti sui social network. In particolare, su altri tre marinai scomparsi dalla Novocherkassk: il marinaio Nikita Druzhinin (22 anni) di Sebastopoli, Vladislav Lapko (26 anni), anche lui di Sebastopoli, Vasily Shevchenko (25 anni) della regione di Rostov.

Leggi anche:  Crimea: cinque ucraini condannati a 16 anni per aver passato informazioni militari a Kiev

Native

Articoli correlati